Prove tenuta

Esecuzione Prove di Tenuta non Distruttive Di Serbatoi e Tubazioni con Metodo S.D.T.


Il sistema da noi utilizzato, sfruttando tecnologie ad ultrasuoni, costituisce una metodica NON distruttiva, alternativa alla prova a pressione con azoto, la quale avviene previa bonifica del serbatoio, prevista dal regio decreto del 1934; Il sistema S.D.T. 170 è utilizzabile grazie al decreto legge sui serbatoi interrati del 20/10/1998 pubblicato su G.U. n° 260 del 06/11/1998, in particolare art. 11 comma 7, in cui si indica il criterio di accettabilità dei sistemi e non della metodologia; il valore è quello indicato dalla normativa americana EPA 530 UST, norma secondo cui il nostro sistema risulta certificato.
Mediante l'utilizzo del sistema denominato S.D.T., è possibile eseguire la prova di tenuta, senza svuotare, pulire e bonificare il serbatoio ma richiede la messa fuori servizio dello stesso per un tempo molto breve.
La sensibilità del nostro metodo consiste nel rilevare perdite dell' ordine di 0,002 litri/ora (molto inferiori quindi ad 1 litro/giorno), come risulta dal certificato rilasciato dalla AIB-Vincotte Belgique.
La prova di tenuta S.d.t. Tanktest System è riconosciuta da UNICHIM (Manuale n° 195-edizione 2000 “Prove di tenuta su serbatoi interrati”)
La prova di tenuta verrà eseguita mediante un sistema ad ultrasuoni che permette di rilevare la presenza della più piccola foratura o incrinatura, consentendo di valutare lo stato di tenuta del serbatoio.
Il principio su cui si basa il controllo è semplice e sicuro: sottoponendo il serbatoio ad una leggera
depressione (max -150 mBar), le eventuali forature o crepe presenti generano degli ultrasuoni (sia al di sotto che al di sopra del livello del prodotto) che il sistema S.D.T. è in grado di rilevare tramite due sonde.
La prova di tenuta deve essere fatta anche al momento della dismissione del serbatoio insieme all' operazione di bonifica.

L'attività si esplica sostanzialmente:

Nello scollegamento del serbatoio dalle tubazioni di carico, d' aspirazione e d' equilibrio;
Nello scollegamento del serbatoio dalle tubazioni di carico, d' aspirazione e d' equilibrio;
Nel sigillare i tubi d' aspirazione e d' equilibrio;
Nel collegare un manicotto al tubo di carico del serbatoio, in cui vengono fatti passare i cavi di collegamento tra le sonde (approvate EEX) ed il sistema S.D.T.;
Nel posizionamento delle sonde ad ultrasuoni (approvate EEX), una in immersione nel carburante,a circa 20cm. Di profondità, ed una nello spazio libero tra il carburante e la parte superiore del serbatoio;
Nel collegamento al manicotto della pompa d'aspirazione dell'aria con valvola tarata a -250Mb;
Nel sottoporre il serbatoio a depressione max -150mb (i sensori rilevano eventuali ultrasuoni, prodotti da forature o crepe, che vengono trasmessi al sistema SDT, il quale li rende udibili all'orecchio umano e ne visualizza i picchi in dB su un Display);
Nel digitalizzare, il valore campionato e quindi crearne un' analisi spettrale in grado di evidenziare l' ampiezza dei picchi per ogni valore di frequenza, sia nella fase liquida che nella fase gassosa;
Nell' analizzare i valori riscontrati ed emetterne la certificazione.

 



ITALPOL SRL - Via Aldo Moro, 1 - 38062 Arco (TN) - Tel. e Fax +39 0464 519965 - info@italpolsrl.it - P. Iva 02057260222 | Concept by Tecnoprogress | Privacy Policy & Cookies